il Teatro

LA STORIA
A Castelfiorentino il rapporto con i linguaggi del teatro ha una tradizione ultrasecolare, che ha visto per lungo tempo proprio nel Teatro del Popolo il punto di riferimento, il luogo di elaborazione e la rappresentazione ideale e materiale: dalla inaugurazione nel 1867, tante sono state le vicende di questa struttura culturale dove non si è solo concretizzata la passione per la musica, la lirica, la prosa. Il Teatro del Popolo infatti può davvero essere considerato anche come lo specchio dove si è riflessa l’immagine degli elementi fondanti della cultura e della storia recente di Castelfiorentino, il luogo che ha reso più “civile” l’intera comunità.
Se è vero, come ha scritto Antonio Paolucci, cittadino onorario di Castelfiorentino, che questa comunità “è orgogliosa della sua storia ed è consapevole che non c’è futuro senza memoria”, il completo restauro, la “rinascita” del Teatro del Popolo - l’unico teatro ottocentesco del Circondario Empolese Valdelsa, - è l’occasione anche per riflettere sul futuro, per farne un punto di riferimento per la promozione delle nuove generazioni.

Buono per una lira Marmo Manifesto Galeotto Manferti
Un “Buono” della Società Edificatrice Lapide a ricordo dei Soci Fondatori Il più antico manifesto conservato (1868)
statuto Serata danzante serata
Gli Statuti della Società del Teatro (1873)
Coppie che ballano in platea (1950) Il “Veglione”: la festa da ballo più popolare (1950)
Veglione Veglionissimo
L’”Andrea Chénier” con Umberto Borsò (1966) Un’immagine del “Veglionissimo”(1955) “Il Bugiardo” di Carlo Goldoni (1983)

IL RESTAURO
Nate per allestire l’effimero, le costruzioni teatrali hanno fronteggiato, durante il corso del Novecento, il progresso del cinematografo e una rapida trasformazione tecnologica, sopravvivendo a guerre, rivoluzioni e ribaltamenti di costume epocali. Forse per questo, ancora oggi, i teatri continuano a rappresentare in modo ineguagliabile il groviglio delle aspirazioni e delle identità comunitarie, in altre parole il cuore delle città.
Il restauro del Teatro ha mirato, ovviamente, anzitutto ad adeguare la struttura alle normative vigenti per i locali di pubblico spettacolo, renderla agibile e infine riportare l’architettura alle proporzioni originali, dopo che gli interventi del dopoguerra ne avevano modificato pesantemente i rapporti interni.
Nella configurazione del foyer al piano terra e della sala (corpi illuminanti, tendaggi, ecc.) si è manifestata una rigorosa volontà conservativa propria degli interni storici, mentre per altre parti del complesso (ad esempio biglietteria, guardaroba, foyer al secondo piano), laddove si trattava di sviluppare nuovi dettagli e arredi, si è attivata una più accentuata connotazione contemporanea, sottolineando al tempo stesso il profondo legame del Teatro con la città attraverso la disposizione di grandi pannelli che riproducono le foto di David Bastianoni.

restrid.jpg La facciata di notte
Prima del restauro (2003)
Dopo il restauro (2009)
La facciata di notte (2009)

APPROFONDIMENTI

I testi sono elaborazioni redazionali tratte da saggi di: Piero Guicciardini, Marco Magni, Giovanni Parlavecchia, Luigi Zangheri.

Le foto  sono di David Bastianoni, Antonio D’Ambrosio, Remo Taviani.

Bad Behavior has blocked 99 access attempts in the last 7 days.